DABO HTS 4.o FASCICOLO TECNICO

DABO AUTOMAZIONI E PROGETTI
P.IVA 01533780282 C.F. BTTSFN62L25B519T

HTS E SLAVE STANDARD sanitizzazione automatica

Le istruzioni, le foto, i video, e gli archivi sono nel contenuto del presente fascicolo e sono di natura tecnica riservata e, per questo, un’informazione non può essere riprodotta ne completamente ne parzialmente e non può essere comunicata a terzi senza l’autorizzazione scritta della Dabo automazioni.
Dichiarazione di conformita.
Dichiarazione di prodotto costruito, certificato, collaudato da Dabo automazioni di Stefano Bottesin.

AVVERTENZE
Questo sistema non è stato concepito per essere utilizzato da persone inclusi bambini con ridotte capacità fisiche, sensoriali e mentali o se privi della necessaria esperienza e competenza, A meno che questi non siano controllati o istruiti sull’uso dell’apparecchio da una persona responsabile per la loro sicurezza. Prestare particolare attenzione ai bambini, per evitare che questi possano giocare con l’apparecchio.

L’uso di accessori o componenti non originali possono compromettere la sicurezza del sistema di sanitizzazione. Dabo non si assume alcuna responsabilità per l’utilizzo di parti o accessori non originali e si ritiene sollevata da qualsiasi danno diretto o indiretto che dà un tale utilizzo dovesse derivare.
Nota dell utilizzo e scopo : il prodotto è stato costruito sei stato provato è verificato per eliminare il SAS cov-2 e virus maggiori e minori relativamente ad un possibile inquinamento delle pulsantiere o tastiere touch tipo bancomat, vending, distributori di benzina, monitor per istruzioni installati per il pubblico e per il privato.
I test sono stati eseguiti con esiti positivi da :
– laboratorio della Dabo automazioni
– istituti di Microbiologia Italiani autorizzati.
Sono stati effettuati tutti i test per verificare la sicurezza all’esposizione dei raggi UV-C e l’efficacia del loro funzionamento basandosi su test di laboratorio di microbiologia ottimizzando le potenze, le irradiazioni, i tempi e le tempistiche degli interventi di sanitizzazione.
Tuttavia le programmazioni degli interventi di sanitizzazione devono essere assolutamente dedicate al:
– tipo di utenza (luogo con pubblico o privato
– modalità’ d’uso dell’utenza
– temperatura massima e minima in estate ed in inverno dell’ambiente dove verra’ installato il macchinario.
– tipo di materiale della pulsantiera da sanitizzare
NOTA: nonostante le varie grandezze delle pulsantiere (da 7” a 35”) e’ possibile grazie ad i test effettuati garantire la sanitizzazione in quanto le cornici sono castomizzabili, la differenza sara’ sul tipo di fonte UV-C, quantità’, potenza, irradiazione, angolo e temperatura.
TUTTE LE INFORMAZIONI PER OTTIMIZZARE L’UTILIZZO DEL PRODOTTO FINALE SONO CONTENUTE IN 4 FILE/DATABASE NON PUBBLICI, solo alcune informazioni verranno rese pubbliche per le soluzioni delle varie programmazioni. Altri dati quali fornitori , nomi dei tecnici, Microbiologi, Istituti di Microbiologia, saranno identificati con sigle, solo se gli interessati daranno il loro consenso saranno resi pubblici per intero.

NOTA:
per disinfezione si intende l’eliminazione di tutti i virus, miceti e muffe presenti o inquinate sul monitor o sulla pulsantiera.
Ogni telaio è stato studiato affinché il raggio dei diodi UV-C possano irradiare completamente le aree inquinabili ed in tempi diversi le stesse verranno protette da radiazioni UV non dannose per l’uomo.

ARCHIVIO PUBBLICO COLLAUDATORI E TECNICI

TECNICI AUTORIZZATI AL MONTAGGIO DEI SISTEMI (ARCHIVIO PUBBLICO TECNICI AUTORIZZATI)
Premessa: archivio pubblico (indirizzo archivio) i tecnici riconosciuti dalla Dabo automazioni sono qualificati per le mansioni relativamente alla HTS 4.0 e accessori .
La taratura e l’abbinamento fra HTS e sleeve è possibile solo in Dabo, in fase di produzione ed di immatricolazione.
Le tarature vengono inserite nel codice di immatricolazione , per rifare le tarature della schede e’ necessaria una release che dovrà’ essere reinserita nella nuova MATRICOLA/NR.SERIALE ed ovviamente essere autorizzata da DABO, oltre ad inserire la sigla del tecnico autorizzato che ha effettuato la nuova impostazione.

Archivio tecnici autorizzati e collaudatori IMPOSTAZIONE:
SIGLE Collaudatore. TecnicoInstallatore.
nota : il tecnico installatore abilitato ed inserito in questo archivio può effettuare altri corsi ad altri tecnici ma questi per essere inseriti in questo archivio dovranno essere autorizzati dal tecnico che sia effettuato il corso.
NOMINATIVO Nome cognome .
SIGLA tecnico es:SB01
Data mese/anno richiesta inserimento Archivio es: 0420
Tipo di preparazione Diretta in Dabo AA. Corso affiancato da tecnico abilitato CA. Videocorso VI.
SIGLA DEL TECNICO abilitato che ha istruito al corso. es: AZ01

MONTAGGIO SLAVE:
Praticare 2 fori seguendo la rima in dotazione, il foro più alto servirà’ per il fissaggio della vite di sicurezza,
il foro più’ in basso per il passaggio del cavo.

FOTO DEL FORO PIU BASSO CHE VERRA’ PRATICATO SEGUENDO LA DIMA COMUNQUE NELLA PARTE DELLO SCHERMO DI PLASTICA, ALL’INTERNO BISOGNA FARE ATTENZIONE A NON INTACCARE LA STRISCIA DI LED DELL’ILLUMINAZIONE DEL PANNELLO DELLA MACCHINA.

Istruzione di montaggio e manutenzione dei kit: HTS, HTSSL, SL ARCHIVIO PUBBLICO CODICI PROGRAMMAZIONE E FAQ

SEGNALAZIONI PER L’UTENTE
La cornice esterna è dotata di un sensore e 3 segnalatori del sistema :

. LED VERDE sistema in funzione .
. LED VERDE SCURO avvisa l’inizio che il sistema e’ in fase di predisposizione alla degerminizzazione e sanitizzazione da SARS-COV2.
. LED ROSSO avvisa l’utente che il sistema sta effettuando la degerminizzazione, al suo spegnimento ed allo spegnimento del LED VERDE SCURO vorra’ significare che la sanitizzazione e’ stata eseguita correttamente.

Istruzioni d’utilizzo per l’utente

FUNZIONAMENTO ALL’ACCENSIONE.
HTS 4.0 all’accensione, se le condizioni lo permettono, effettuerà una fase di disinfezione, verificando che il sistema funziona correttamente con l’accensione dei due led verdi, mentre il rosso si accendera’ solo se non sosta nessuno davanti alla macchina.

NOTA OPERATIVA E TECNICA
All’ allontanarsi dell’utente, HTS 4.0 effettuerà una disinfezione sanitizzazione sterilizzazione.
La disinfezione sara’ evidenziata da un segnale rosso che comunicherà la disinfezione in atto, è opportuno all’accensione di questo segnale rosso non avvicinarsi alla macchina ma attendere che venga ultimata la disinfezione. Se comunque l’utente è sicuro di poter utilizzare la macchina e non vuole attendere la disinfezione, il sistema di sicurezza in ogni caso disattivera’ video di uvc permettendo quindi all’utente di avvicinarsi alla macchina e di utilizzarla.

Il sistema, regolarmente funzionante, verrà segnalato da una luce verde che indica che la macchina può essere utilizzata e la disinfestazione potra essere effettuata regolarmente.

IN QUESTA SLIDE SI NOTA CHE I DIODI UV-C SONO PROTETTI DA UN BORDO ANTIACCECAMENTO.

TEST PUNTI CRITICI E SICUREZZE.
Il sistema effettua una serie di controlli prima di attivare i led UV-C per la eliminazione dei virus e batteri, inoltre il sistema effettua da programmazione , delle fasi di sanitizzazione in più volte in base all’affluenza delle persone davanti alle pulsantiere anche se non consumano.
I diodi UV-C non potranno mai attivarsii per errore, ma se un utente volesse volontariamente provare ad attivare i diodi UVC accecando il sensore di rilevazione, e che tale sensore risultasse difettoso permettendo comunque di attivare i diodi UVC, e che l’utente tentasse di ”vedere” direttamente con un occhio i diodi UVC, mettendo la testa attaccata alla pulsantiera o al monitor per vedere l’accensione dei diodi UV-C, non riuscirà ad esporre il suo bulbo oculare a meno che non sia senza naso in quanto una schermatura protegge le radiazioni emesse o le accidentali irradiazioni.

La disinfezione si interrompe e i diodi UV-C vengono disabilitati all’avvicinarsi di una persona che vuole utilizzare il macchinario. In ogni caso il sistema è altamente sicuro in quanto è pressoché impossibile vedere i diodi direttamente. È possibile notare un eventuale rifrangenza sulla pulsantiera o sul monitor solo in fase di disinfezione e ad una distanza di oltre 2 metri senza alcun movimento.

Punti critici e pericolosita del sistema di sanitizzazione a diodi UV-C:
Il montaggio del kit deve essere effettuato da tecnico preparato in quanto solo dopo averlo montato correttamente il funzionamento sara’ perfettamente sicuro.
Il sistema di sanitizzazione Viene segnalato come attivo e funzionante dal led verde posizionato sulla parte superiore della cornice.
– led acceso indica il funzionamento del sistema di sanitizzazione.
– Led spento indica che sistema non è funzionante.
– LED verde centrale indica che il sistema predispone la sanitizzazione in questo caso l’utente potrà avvicinarsi tranquillamente ed utilizzare la pulsantiera o il monitor touch comunque in massima sicurezza.
Solo quando il LED rosso è acceso è opportuno attendere ad almeno 1 metro dall’area da sanitizzare prima di riutilizzare il monitor o la pulsantiera in quanto questo segnala che la sanitizzazione e’ in corso.
Quindi è opportuno attendere lo spegnimento dello stesso per poter utilizzare la pulsantiera o il monitor touch con la sicurezza che e’ stato disinfettato da virus e muffe e miceti e virus quali il sarscov2.
Anche un cattivo funzionamento dei sensori disattivera’ il sistema di sanitizzazione spegnendo tutti i led di segnalazione.
La cornice di protezione dei diodi uvc fa sì che è impossibile che diodi possono essere visti direttamente. Quando il sistema e’ in fase di sanitizzazione sarà possibile vedere da lontano (minimo 2 metr) una rifrangenza dei diodi uvc sul monitor o sulla pulsantiera, ma non è possibile vederli direttamente grazie alla protezione fisica e alle angolazioni di installazione di diodi che fanno sì che i diodi coprano le superfici che potrebbero essere contaminate ma non possono essere visti direttamente. L’unico possibile rischio è dovuto da un montaggio appositamente errato del tecnico, ED E’ PER QUESTO MOTIVO CHE TUTTI I NOSTRI COMPONENTI SONO IMMATRICOLATI E OGNI COMPONENTE NEL PROPRIO CODICE MATRICOLA/NUMERO SERIALE HA INSERITO TUTTI I CODICI DI IDENTIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE, ADEGUAMENTO AL CLIENTE ED AL TIPO DI SANITIZZAZIONE ED OVVIAMENTE ALLA SIGLA DEL TECNICO INSTALLATORE.

IN QUESTA SLIDE SI VEDE IL CONNETTORE DI COLLEGAMENTO FRA I DIODI UV-C E LA SCHEDA DABOHTS4.o, NEL CASO CI FOSSE UN TENTATIVO DI MANOMISSIONE O DI ASPORTAZIONE DELLA CORNICE SLAVE, IL CONNETTORE SI STACCHEREBBE IMPEDENDO QUALSIASI ACCENSIONE ACCIDENTALE DEL SISTEMA, DI CONSEGUENZA I DIODI SEGNALATORI SI SPEGNEREBBERO TUTTI COMUNICANDO CHE IL SISTEMA DI SANITIZZAZIONE E’ STATO MANOMESSO E DI CONSEGUENZA:
”NON E’ FUNZIONANTE”

ARCHIVIO PUBBLICO NR. SERIALE E MATRICOLE

IDENTIFICAZIONE NR.SERIALE E MATRICOLA

ARCHICIO PUBBLICO MATRICOLE E NR.SERIALI
Spiegazione:
-le prime tre file sono relativamente a HTS oppure SLA oppure prototipo PR1 oppure progetto personalizzato PP1, Oppure PROCUX. PR1.

-seguono due cifre relative al mese di produzione
-due cifre relative all’anno di produzione.
-Tre cifre relativo al numero di pezzi prodotti in quel mese.
-Tre alfanumeriche relative al tecnico collaudatore che affettuato il controllo produzione.
-Tre alfanumeriche relative al tipo di prodotto per esempio se uno slave in alluminio con il codice fornitore dell’alluminio, altro esempio HTS il tipo di programmazione relativo e che abbinamento utilizzerà sullo slave.
– tre cifre se è uno slave
-tre cifre saranno relative al tipo di diodo usato è la quantità.
-tre cifre di tutte le matricole sono relative al particolare della programmazione del pubblico della frequenza e dei tempi di disinfezione oltre al tipo di virus che verrà utilizzato.

VEDI ARCHIVIO CODICI PROGRAMMAZIONE E FAQ

hts codice composto da
tipo scheda, slave con quanti diodi , grandezza es. S6067-34 progetto o prototipo.
anno 2
mese 2
nr. serie 000
tecnico collaudatore e controllo produzione AA
esempio
HTSS14-2007001SB

S60621-2007001AZ

HTSP35-2007001SB

S1261242-2007001SB
Procux1, test tempi
2 colori tessuti
3 polimerizzazione plastiche
4 e 5 test virus microbiologia di…
6 test virus ist…. di…

Premessa in questo archivio pubblico i tecnici riconosciuti dalla Dabo automazioni sono qualificati per le mansioni relativamente alla HTS 4.0 e accessori .
La taratura e l’abbinamento fra HTS e sleeve è possibile solo in Dabo ed in fase di immatricolazione. Le tarature dopo l’immatricolazione devono essere esplicitamente autorizzate da Dabo In quanto ogni taratura deve essere reinserita sull’archivi Archivio tecnici e collaudatori.
pubblico :
SIGLE Collaudatore. TecnicoInstallatore.
nota : il tecnico installatore abilitato ed inserito in questo archivio può effettuare altri corsi ad altri tecnici ma questi per essere inseriti in questo archivio dovranno essere autorizzati dal tecnico che sia effettuato il corso.
NOMINATIVO Nome cognome .
SIGLA tecnico es:SB01
Data mese/anno richiesta inserimento Archivio es: 0420
Tipo di preparazione Diretta in Dabo AA. Corso affiancato da tecnico abilitato CA. Videocorso VI.
SIGLA DEL TECNICO abilitato che ha istruito al corso. es: AZ01
note

archivio pubblico:
NR.SERIALE DEI PRODOTTI – DATA INSTALLAZIONE – CODICE TECNICO INSTALLATORE

PROCEDURE DELLA PRODUZIONE:
procedure della produzione e della verifica del prodotto.
PROTOTIPI INIZIALI PER STUDI DI LABORATORIO:
I test effettuati sono stati identificati con il codice PROCUX.
Prox1 il primo test realizzato per verificare la potenza la distanza e tempi di intervento dei diodi led uvc. Pro2 test effettuato per verificare la colorazione dopo 72 ore di ira ira di azione continua l’alterazione della colorazione sulle stoffe. Pro3 la verifica della polimerizzazione della plastica è durata una settimana di irradiazione continua il test non ha causato nessuna differenza sulla polimerizzazione della plastica a 15 cm di distanza. Pro 4 e Pro 5 sono i prototipi consegnarli alla microbiologia di …. e alla …. sempre di …. per testare virus e batteri come il Sars COV 2 su materiale plastico e materiale tipo tessuto punto Pro 6 il tester è stato consegnato all’istituto ….. di ….. per effettuare test specifici ed angolazioni relative a grandi superfici dei monitor touch per debellare il virus Sars COV 2.
Archivio prodotti con dati di programmazione, fornitori del prodotto specifico, note del tecnico collaudatore, sigla del cliente al quale è stato venduto il prodotto, sigla del tecnico abilitato al montaggio del prodotto.
(archivi riservati protetti da segreto industriale e commerciale).

SICUREZZE:
HTS 4.0 è un’interfaccia con circuito assestante.
L’alimentazione può essere non collegata direttamente alla macchina ma meglio se collegata direttamente alla linea elettrica. Il sistema di controllo della scheda completerà la sicurezza dell’alimentazione Dopodiché l’interfaccia funziona abbassa pensione, vedi certificazioni bassa tensione, un cavo di collegamento collega l’interfaccia HTS 4.0 allo schermo denominato sleeve. Il punto critico eh l’eventuale tentativo di manomissione dello sleeve.
Lo sleeve è dotato di più sistemi di sicurezza fra i quali una vite di fissaggio ancorata allo Sleeve stesso dall’interno del macchinario che può essere o il distributore automatico o il bancomat o il monitor touch.
La vite nonostante potrebbe essere sufficiente il fissaggio della sola vite al macchinario il quale sleeve incornicia incom precisione millimetrica il bordo della tastiera o del monitor touch, viene inserito nel Kit due strisce di biadesiva della 3M per fissare lo sleeve al macchinario. Il punto critico potrebbe essere un tentativo di manomissione dello Sleeve che vorrebbe dire comunque un tentativo di furto dello stesso questo significherebbe la rottura del punto di fissaggio della vite Ma in caso di eventuale funzionamento anomalo del macchinario in automatico si staccherebbe il connettore che alimenta i raggi uvc.

DISTINTA BASE (file riservato con elenco fornitori)

PROGETTO SLAVE
Ogni cornice o ogni slip sono progettati per avere angolazioni idonee alla grandezza delle aree da igienizzare e sanitizzare. È indispensabile da parte del cliente che acquista il sistema di sanitizzazione, di fornire alcune informazioni relative alla corretta programmazione di ogni sistema di sanitizzazione quale: il tipo di utenza se pubblica o privata, il numero degli utenti che utilizzeranno il macchinario e la frequenza, la temperatura minima e massima si estiva che invernale dell’ambiente dove verrà installato il macchinario con il sistema di igienizzazione, il dato che il sistema può effettuare delle sanitizzazione ad ore prestabilite della giornata o della notte. Questi dati non incidono sul costo dell’interfaccia HTS 4.0 Ma sono indispensabili per la corretta programmazione.

TEST EFFETTUATI
L’elenco dei test è disponibile anche in formato video.

PROCEDURE DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE
Ogni singola interfaccia Dabo HTS 4.0 ed ogni singolo sleeve sono verificati e controllati dal tecnico che ne inserisce il numero di matricola e le caratteristiche inoltre ogni Dabo HTS e sleeve sono programmati per essere abbinati ma anche per essere prodotti come singolo pezzo. In ogni caso al momento della vendita o distribuzione l’archivio interno abbinerà la scheda con quella lo slave e verra’ identificato sia il tecnico collaudatore, che era già stato registrato nella matricola del singolo pezzo, sia il tecnico che installerà quei prodotti.

I prodotti sono conformi alla direttiva di bassa tensione ed alla conformità e compatibilità elettromagnetica e normative sulla sicurezza.

SLIDE 1 PROCUX TEST COLORAZIONE TESSUTI.

SLIDE 2 BLOCCHETTO SUPERIORE CON SENSORI E LED SEGNALATORI, E SICUREZZA ESPORTAZIONE.

SLIDE 3 VITE DI FISSAGGIO ANTIESPORTAZIONE CHE VA A FISSARSI NEL BLOCCHETTO SUPERIORE.

SLIDE 4 REGOLAZIONE SISTEMA ANTIMANOMISSIONE DELLO SCHERMO UV-C

La targhetta identificativa e’ composta da : marchio DABO, MARCHIO CE, QRCODE del manuale di istruzioni, CODICE IDENTIFICATIVO del numero seriale di produzione e dei dati necessari per l’identificazione dei programmi installati per la sanitizzazione.